SIMEST, la società del Gruppo Cassa depositi e prestiti, che sostiene la crescita delle imprese italiane attraverso l’internazionalizzazione, ha da poco presentato nuovi finanziamenti a tasso agevolato dedicati alle Piccole Medie Imprese che sostengono investimenti all’estero.

 

Possono richiedere i suddetti finanziamenti, presentando la domanda a partire dal 28/11/2021 e fino al 31/12/2021, le PMI (ovvero le società che, in base al loro più recente bilancio annuale o consolidato non superino i 250 occupati e un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro, oppure totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro).

 

I finanziamenti proposti prevedono su richiesta una quota a fondo perduto nel limite del:

  • 40% del finanziamento richiesto: nel caso la società abbia, da almeno sei mesi almeno una sede operativa in una regione del Sud Italia (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia, Sardegna);
  • 25% del finanziamento richiesto: qualora la società non abbia, almeno da sei mesi, una sede operativa nel Sud Italia.

 

AREE DI INTERVENTO

  1. Transizione Digitale ed Ecologica delle PMI con vocazione internazionale;
  2. Partecipazione delle PMI a fiere e mostre internazionali, anche in Italia, e missioni di sistema;
  3. Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri (E-commerce).

 

Il finanziamento verrà erogato in due tranche, sul conto corrente dedicato del Richiedente:

1° tranche (50% del finanziamento): entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive.

2° tranche (50% del finanziamento): nel limite delle spese riconosciute dopo che SIMEST avrà ricevuto il rendiconto, a condizione che queste superino l’importo già erogato, e che rientrino tra le Spese ammissibili.

 

1)  TRANSIZIONE DIGITALE ED ECOLOGICA DELLE PMI CON VOCAZIONE INTERNAZIONALE

SOCIETA’ CHE POSSONO RICHIEDERE IL FINANZIAMENTO

Piccole medie Imprese che contestualmente soddisfino i seguenti requisiti:

  • abbiano la sede legale in Italia;
  • siano costituite in forma di società di capitali;
  • abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi;
  • abbiano un fatturato estero la cui media degli ultimi due esercizi sia almeno il 20% del fatturato aziendale totale, oppure pari ad almeno il 10% del fatturato aziendale dell’ultimo bilancio depositato.

 

TIPOLOGIA DI SPESE FINANZIABILI

  1. Spese per la Transizione Digitale – almeno il 50% delle Spese Ammissibili finanziate

(integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali; realizzazione e/o ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale; investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali; consulenze in ambito digitale; disaster recovery e business continuity; blockchain; spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0)

  1. Spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione – non più del 50% delle Spese Ammissibili finanziate

(spese per investimenti per la sostenibilità in Italia; spese per internazionalizzazione; spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento)

 

SPESE ESCLUSE

  • spese per attività connesse all’esportazione ovvero collegate ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione;
  • spese correnti connesse con l’attività di esportazione;
  • spese per immobilizzazioni immateriali e finanziarie e quelle relative ad attività proprie ( es. le spese riferite al personale del Richiedente).

 

IMPORTI FINANZIABILI

Minore tra euro 300.000,00 e il 25% dei ricavi medi risultati dagli ultimi due bilanci approvati e depositati; l’esposizione complessiva non potrà eccedere il 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci.

 

DURATA

6 anni di cui 2 anni di preammortamento, con pagamenti in via semestrale posticipata, relativi alla sola quota interessi durante il periodo di preammortamento e a capitale e interessi durante il periodo di rimborso.

 

TASSO

0,055%

 

 

 2) PARTECIPAZIONE DELLE PMI A FIERE E MOSTRE INTERNAZIONALI, ANCHE IN ITALIA, E MISSIONI DI SISTEMA

SOCIETA’ CHE POSSONO RICHIEDERE IL FINANZIAMENTO

Piccole medie Imprese con sede legale in Italia che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno un bilancio relativo a un esercizio completo.

 

TIPOLOGIA DI SPESE FINANZIABILI

  1. Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiere/mostre – almeno il 30% delle Spese Ammissibili finanziate

(Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiere/mostre)

  1. Altre spese – non più del 70% delle Spese Ammissibili finanziate

(Spese per area espositiva; Spese logistiche; Spese promozionali; Spese per consulenze connesse alla partecipazione alla fiere/mostre)

 

Nel caso in cui l’evento internazionale riguardi tematiche ecologiche o digitali, il vincolo del 30% minimo di cui sopra non si applica.

 

SPESE ESCLUSE

  • spese per attività connesse all’esportazione ovvero collegate ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione;
  • spese correnti connesse con l’attività di esportazione;
  • spese per immobilizzazioni immateriali e finanziarie e quelle relative ad attività proprie.

 

IMPORTI FINANZIABILI

Minore tra euro 150.000,00 e il 15% dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato e depositato; l’esposizione complessiva non potrà eccedere il 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci.

 

DURATA

4 anni di cui 1 anno di preammortamento, con pagamenti in via semestrale posticipata, relativi alla sola quota interessi durante il periodo di preammortamento e a capitale e interessi durante il periodo di rimborso.

 

TASSO

0,055%

 

 

3) SVILUPPO DEL COMMERCIO ELETTRONICO DELLE PMI IN PAESI ESTERI (E-COMMERCE)

SOCIETA’ CHE POSSONO RICHIEDERE IL FINANZIAMENTO

Piccole medie Imprese con sede legale in Italia che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

 

TIPOLOGIA DI SPESE FINANZIABILI

Spese destinate ad una delle seguenti attività:

  • creazione di una nuova piattaforma propria ;
  • miglioramento di una piattaforma propria già esistente;
  • accesso ad un nuovo spazio/store di una piattaforma di terzi (i.e. market place);

per commercializzare in paesi esteri beni/servizi prodotti in Italia o con marchio italiano.

 

Nello specifico sono ricomprese le seguenti spese

  1. Creazione e sviluppo di una piattaforma informatica oppure dell’utilizzo di un market place
  2. Investimenti per la piattaforma oppure per il market place
  3. Spese promozionali e formazione relative al progetto

 

SPESE ESCLUSE

  • spese per attività connesse all’esportazione ovvero collegate ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione;
  • spese correnti connesse con l’attività di esportazione;
  • spese per immobilizzazioni immateriali e finanziarie e quelle relative ad attività proprie ( es. le spese riferite al personale del Richiedente).

 

IMPORTI FINANZIABILI

  • Piattaforma propria /miglioramento: il minore tra euro 300 mila e il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati del Richiedente.
  • Piattaforma di terzi: il minore tra euro 200 mila e il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati del Richiedente.
  • Importo minimo pari a euro 10 mila.

 

DURATA

4 anni di cui 1 anno di preammortamento, con pagamenti in via semestrale posticipata, relativi alla sola quota interessi durante il periodo di preammortamento e a capitale e interessi durante il periodo di rimborso.

 

TASSO

0,055%