JOBS ACT: le novità del D.L. 34/2014

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge 34 del 20 marzo 2014 recante “Disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell’occupazione e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese” in vigore dal 21.03.2014.

Il Provvedimento contiene misure di semplificazione per i datori di lavoro, tra le quali:

 

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

  • Possibilità di instaurare contratti a termine fino ad un massimo di 36 mesi senza indicazione di alcuna causale;
  • Possibilità di prorogare il contratto a termine (nel limite di 36 mesi) fino ad un massimo di otto volte, condizionate dallo svolgimento della stessa attività lavorativa per la quale è stato stipulato il contratto iniziale.

Il numero  complessivo dei rapporti a termine, non può superare il 20% dell’organico complessivo, le imprese che occupano fino a cinque dipendenti possono sempre stipulare un contratto a tempo determinato.

Solo in caso di interruzione del rapporto di lavoro, si devono  mantenere  i “termini di stacco”, dieci o venti giorni a seconda della durata del contratto iniziale.

 

CONTRATTO DI APPRENDISTATO

  • Previsione della forma scritta esclusivamente per il contratto e per il patto di prova, non è più obbligatoria la forma scritta del piano formativo;
  • Nell’ambito dell’apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale la retribuzione è calcolata tenendo conto delle ore di lavoro effettivamente prestate, retribuite al 100% nonché delle ore di formazione retribuite  nella misura del 35% .

 

DURC

  • L’art.  4 del D.L. n. 34  prevede una semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese in materia di DURC.

La verifica della regolarità contributiva relativa ad INPS – INAIL  e Cassa Edile, avverrà, in via telematica, attraverso l’apertura e la correlazione tra le varie banche dati. Il tutto è, al momento, rimandato, ad un decreto da emanare entro  sessanta giorni  dal 21.03.2014, da di entrata in vigore del D.L. 34/2014.