Dimissioni e risoluzione consensuale

L’art. 26 del D. Lgs. N. 151/2015 ha ridefinito le modalità di cessazione del rapporto di lavoro per dimissioni volontarie e risoluzione consensuale stabilendo che, a far data dal 12 marzo 2016, dovranno essere effettuate, a pena di inefficacia, esclusivamente con modalità telematica. Entro 7 giorni dalla trasmissione telematica, il lavoratore potrà annullare la comunicazione effettuata.

Il nuovo modulo con il quale il lavoratore comunica (o revoca) la volontà di recedere dal rapporto di lavoro per dimissioni o risoluzione consensuale, è disponibile per i lavoratori ed i soggetti abilitati, nel sito www.lavoro.gov.it.

L’accesso a tale modulo è consentito esclusivamente:
• Al lavoratore (non assistito da un soggetto abilitato) previa registrazione sul portale cliclavoro e previo possesso del PIN INPS dispositivo;
• Al soggetto abilitato (patronati, organizzazioni sindacali, Enti bilaterali e Commissioni di Certificazione) tramite la propria utenza Cliclavoro.

Il sistema informatico del Ministero invierà automaticamente il modulo alla casella di posta elettronica certificata del datore di lavoro, mentre la DTL competente riceverà una notifica sul proprio cruscotto.

Sanzioni: il datore di lavoro che altera il suddetto modello è punito con la sanzione amministrativa da euro 5.000 ad euro 30.000
Si invitano pertanto i datori di lavoro a non accettare più dai propri dipendenti le consuete lettere di dimissioni a far data dal 12 marzo 2016.